Galleria

Home Andrologia e ... Obesità Obesita': nemico numero uno per l'Andrologia
Obesita': nemico numero uno per l'Andrologia PDF Stampa E-mail

Con la vistosa eccezione dell' Asia, l'obesità è in forte aumento in tutto il mondo arrivando oggi a riguardare oltre un miliardo e mezzo di esseri umani. Le cattive abitudini alimentari ed il basso reddito sembrano le cause cui attribuire l'impennata del numero degli obesi. Nei paesi con stile di vita occidentale vi è oggi una diffusa disponibilità di calorie alimentari sotto forma di cibi molto gratificanti ed appetibili specialmente per i più giovani. Si tratta di patatine, salse varie, pop corn, bevande contenenti zuccheri, merendine ecc., che adulti (e purtoppo adolescenti!) consumano in grande quantità nelle occasioni più varie

(basti pensare al consumo di cibarie che oggi è diventato un must nelle sale cinematografiche). Il valore nutritivo di questi cibi, per i quali non per nulla è stato coniato il termine di "cibo spazzatura", è molto scarso, nel senso che mancano proteine e sostanze nutritive nobili, mentre abbondano le calorie. Una dieta basata comunemente su un grande apporto di questo tipo di cibi conduce facilmente al sovrappeso e poi alla obesità. Gli Andrologi - e non sono soli in questo - sono profondamente nemici di queste abitudini alimentari. Basti pensare che un uomo obeso ha un elevato richio cardiovascolare, un rischio aggiunto per la disfunzione erettile ed una tendenza ad una riduzione della virilità, dovuta al fatto che il tessuto adiposo dell'organismo trasforma il Testosterone in Estradiolo, ormone femminile, potente inibitore delle gonadotropine ipofisarie.

http://www.repubblica.it/salute/alimentazione/2011/08/26/news/obesita_dati-20889699/

 

 


Sito Realizzato da Fabrizio Teofoli. Valid XHTML and CSS.